DANZA | Malandain Ballet Biarritz

Data

21 Apr 2024

Ora

7:00 pm

Luogo

Sala M1 - Teatro Massimo
Cagliari

Malandain Ballet Biarritz
Mozart à 2
Beethoven 6
coreografie Thierry Malandain

danzatori Giuditta Banchetti, Raphaël Canet, Clémence Chevillotte, Mickaël Conte, Jeshua Costa, Frederik Deberdt, Clara Forgues, Loan Frantz, Michaël Garcia, Irma Hoffren,
Cristiano La Bozzetta, Hugo Layer, Guillaume Lillo, Claire Lonchampt, Nuria López Cortés, Arnaud Mahouy, Alessia Peschiulli, Ismael Turel Yagüe, Yui Uwaha, Patricia Velazquez,
Allegra Vianello, Laurine Viel
____________________________

Mozart à 2
coreografia Thierry Malandain
musica Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto per pianoforte e orchestra
costumi Jorge Gallardo
concezione luci Jean Claude Asquié
produzione CCN Malandain Ballet Biarritz

Il 2 giugno 1997, alcune pagine tratte dai concerti per pianoforte di Mozart, permisero a Thierry Malandain di creare i duo per uno spettacolo intitolato Bal Solitude per la Compagnie Temps Présent a Saint-Etienne. Allora si trattava di render conto di episodi amorosi: luogo propizio alla festa ma rivelatore di solitudini, quando l’amore non è sinonimo di sempre. È questa fisionomia mutevole che noi affrontiamo, quella d’un sentimento che talvolta si misura con l’entità della mancanza. Sei coppie, tra passioni e tormenti.
Arricchito di un nuovo passo a due , il balletto è entrato nel repertorio del Malandain Ballet Biarritz nel settembre 2020 ed è danzato anche dal Leipzig Ballet e dal Wiener Staatsballett

Durata: 35 minuti

Intervallo

Beethoven 6
Tratto da “La Pastorale” creata nel contesto delle celebrazioni per il 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven
Prima mondiale 22 e 23 dicembre 2019 – Theater Bonn –
Balletto per 22 danzatori
coreografia Thierry Malandain
musica Ludwig van Beethoven (Sinfonia n. 6 in re e fa maggiore Op.68 detta Pastorale )
scene e costumi Jorge Gallardo
ideazione luci François Menou
realizzazione costumi Véronique Murat, con il supporto di Charlotte Margnoux
realizzazione scene Frédéric Vadé

coproduzione Chaillot Théâtre National de la Danse • Beethoven Jubiläums Gesellschaft Bonn • Norddeutsche Konzertdirektion Melsine Grevesmühl GmbH • Theater Bonn •
Le Parvis scène nationale Tarbes Pyrénées • Opéra de Reims• Ballet T •
Donostia Kultura – Victoria Eugenia Antzokia de Donostia / San Sebastián •
CCN Malandain Ballet Biarritz
in partenariato con Théâtre de Gascogne – Scènes de Mont de Marsan • Espace Jéliote Oloron-Sainte-Marie • L’Odyssée – Scène Conventionnée de Perigueux • Scène du Golfe / Théâtre Anne de Bretagne – Vannes • Opéra de Saint-Étienne • Théâtre Olympia d’Arcachon • Escenario Clece / Teatros del Canal – Madrid

Si tratta ovviamente della Sesta Sinfonia di Ludwig van Beethoven della quale conosciamo l’epigrafe Sinfonia Pastorale, o ricordi di vita rurale, descrizione delle emozioni piuttosto che pittura descrittiva. Traduciamo l’amore ardente del compositore per la natura: «Il massimo della gioia è poter vagare nei boschi, nella selva, tra gli alberi, tra le rocce! Nessun altro uomo ama la campagna quanto me». Ad esclusione del canto degli uccelli e del fluire dell’acqua, la Sinfonia Pastorale esprime più i sentimenti che la rappresentazione dei fatti. Impregnata di serenità e fondamentalmente idealista vi possiamo trovare in filigrana i sentieri fioriti della pastorale antica , l’innocenza della giovinezza, o anche, le polveri sacre di Atene, città venerata nei secoli dai poeti e dagli artisti per aver creato la Bellezza. Composta contemporaneamente alla Quinta Sinfonia, che mostrava la lotta dell’uomo contro il destino, abbandonandosi agli stati d’animo della natura Beethoven resuscita a i nostri occhi l’Arcadia dell’età dell’oro: “terra di pastori dove si viveva beati d’amore”. Ma possiamo deviare dalla realtà ?
Thierry Malandain

Durata 45 minuti senza intervallo

Il coreografo
Autore di oltre 80 coreografie, Thierry Malandain continua a creare un repertorio coerente, profondamente legato al «balletto» dove la priorità è data al corpo danzante, alla sua potenza, alla virtuosità, alla sua umanità e sensualità. La sua ricerca del gusto e dell’estetica porta ad uno stile atemporale e sobrio. Questo può essere tanto serio quanto impertinente ed attinge la sua ricchezza sia nella storia che in una visione rinnovata della danza accademica. I suoi danzatori provengono da una formazione classica che attraverso il lavoro con il coreografo rendono attuale.

Il Malandain Ballet Biarritz ha sede presso l’antica Gare du Midi, ed ha un organico di 22 danzatori permanenti provenienti tutti da una formazione accademica classica, ma che il lavoro con Thierry Malandain rende moderni. Oggi la compagnia fa parte del gruppo di compagnie con maggior numero di spettatori in Europa, oltre 100.000 a stagione, presentando oltre 100 spettacoli, dei quali un terzo all’estero. In occasione di alcune tournée internazionali, la compagnia gode del sostegno dell’Institut Français.

 

Maggiori Informazioni?
Contatta l'Organizzatore

Organizzatore

CeDAC
Email
biglietteria@cedacsardegna.it
Sito web
http://www.cedacsardegna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Aggiornamenti sulla programmazione, offerte e sconti esclusivi.

Iscriviti alla Newsletter